Ti trovi in:

Home » Territorio » Borgo Chiese » Le frazioni

Le frazioni

di Martedì, 17 Gennaio 2017
Immagine decorativa

Nella valle è il paese altimetricamente più elevato. Molto antico e pittoresco, Brione si affaccia sulla Valle del Chiese tra la Valle Aperta a nord e la Valle Sorino a sud
La strada che conduce quassù non è delle più comode: un gomitolo d'asfalto che si srotola a partire da Condino inerpicandosi per cinque chilometri e mezzo di curve e tornanti. Però quando entri in paese ti sembra di ritrovare un tempo ormai irrimediabilmente perduto. La sua storia è strettamente legata alle vicende del vicino Condino, dove aveva sede la Pieve. Proprio assieme a Condino Brione formò una comunità che riuscì a mantenere una certa indipendenza dai potenti signorotti che si contendevano la bassa Valle del Chiese tra i quali i d’Arco, i Lodron e i Campo.

Immagine decorativa

Il paese di Cimego (422 abitanti al gennaio 2009) sorge sul pendio alla destra orografica della Valle del Chiese, su un declivio terrazzato e a conoide. E' un piccolo centro abitato del Trentino sud occidentale, lontano dalle città: dista 60 chilometri da Trento, 80 chilometri da Brescia, 60 chilometri da Rovereto.

Il rio Salùm, che scende da Boniprati-Naron, divide il paese in due parti e tre contrade: sulla sponda destra c'è Quartinago, a metri 516 sul livello del mare, con la chiesetta di S. Antonio abate.

Sulla sinistra si trova Balbarone, a metri 531, e la Villa, dove sorge la chiesa parrocchiale di San Martino, posta in cima al paese (m. 559), fiancheggiata dal campanile di granito a torre, orientata a est, così che il portico dell'ingresso principale risulta addossato al muraglione a monte. 
Al di sopra della chiesa, tagliando il dosso su cui sarebbe esistita nel medioevo una bastia, sale la strada che, attraverso campi terrazzati, raggiunge il piccolo paese di Castel Condino (metri 809 sul livello del mare).

(Testo tratto da "Cimego, paese del ferro e dell'eresia", a cura di Franco Bianchini e Gianni Poletti, edizioni Cooperativa Il Chiese)

Immagine decorativa

Condino è una borgata di rilevanti tradizioni storico-civiche, allungata nel fondovalle; è centro culturale e artistico, ed inoltre paese industriale, artigianale e commerciale di notevole rilevanza. Vi prosperano soprattutto l'artigianato del legno, l'industria della carta e quella metallurgica. Condino condensa la tipica architettura ed urbanistica giudicariese ed è disposto sulle due piazze maggiori di Villa e di S. Rocco.